Menu

Cacciatore Testata Grigio Ok
Arco Testata Grigia
CT Testata Grigia

facebook Greentime facebook Arco facebook Caccia&Tiro

IL CACCIATORE ITALIANO n. 4/2019

Ci siamo. La lunga attesa sta per terminare e a breve torneremo a celebrare quell’appuntamento che da sempre rappresenta una data particolare nel nostro sentire.
Novelli cacciatori o veterani di 60 licenze, saremo accomunati da una notte agitata in attesa dell’alba. A tenerci svegli sarà quell’insieme di emozioni, così difficile da spiegare a chi non le ha mai vissute, che solo la caccia sa dare, sua vera essenza e per noi motivo a praticarla.
Le settimane precedenti, oltre che da preparativi e programmi con amici e compagni di caccia, sono sempre caratterizzate da discussioni e analisi dei calendari venatori.
Attorno a questi si concentrano le aspettative degli appassionati e gli attacchi dei nostri detrattori, sempre tesi a “limare” il più possibile per limitare in nome di una ideologia slegata da qualsivoglia ragione una pratica antica quanto l’uomo e insieme attuale e sostenibile. Sono le due facce della caccia, che mantenendo vive tradizioni centenarie ha saputo modernizzarsi dimostrando attraverso la scienza la sua piena sostenibilità.
In questo Federcaccia prima e più di altri ha impegnato le proprie risorse umane ed economiche, preferendo destinarle alla ricerca invece che a vistosi ma inutili gadget da sventolare nelle fiere, e se in molte regioni si sono mantenute specie e tempi di prelievo è anche grazie al nostro determinante contributo e ai rapporti di collaborazione e fiducia instaurati dai nostri ricercatori con le pubbliche amministrazioni.
Come sempre, in questa occasione, un forte richiamo alla sicurezza. Oltre al peso umano e sociale che gli incidenti, specie i più gravi, portano con sé, tenere un comportamento attento e teso a evitare pericoli per sé e per gli altri frequentatori dei boschi e delle campagne è un obbligo morale prima ancora che di legge. Nessuna preda, nemmeno la più duramente cercata e inseguita, giustifica il mettere a rischio la propria o l’altrui incolumità. Attenzione quindi a come ci muoviamo e a come agiamo, ricordando anche che le nostre azioni sono sempre oggetto di spietata analisi e critica da parte di chi ci avversa, subito pronto a mettere alla berlina, amplificandolo, ogni nostro eventuale passo falso.
Per godere al meglio di una giornata di caccia una delle cose principali è la tranquillità. Questa è data da molti elementi, ma almeno per quelli che dipendono dalle nostre scelte possiamo fare molto. Un piccolo invito alla riflessione: a volte la copertura assicurativa viene scelta con un po’ troppa superficialità. Le polizze che Federcaccia offre sono tutte solide e sicure, al top per coperture, con tempi di liquidazione ridottissimi rispetto alla media e senza sorprese di franchigie o altre “furbate” nascoste in un prezzo invitante e solo all’apparenza migliore. Ma avete scelto quella che meglio risponde alle vostre necessità? Una mattinata al capanno non è uguale a una giornata alla posta, tanto per fare un esempio. Fra i tanti aspetti in cui la legge sulla caccia è vecchia e ormai inadatta c’è anche quello dei massimali assicurativi, non più in linea con i risarcimenti ormai abitualmente previsti per le vittime di un incidente. Per essere in regola basta veramente poco e FIdC è tenuta a darvene la possibilità. Ma vale la pena per risparmiare pochi euro, un pacco di cartucce, esporre se stessi e i propri cari al rischio di veder intaccare il proprio patrimonio? Siamo certi che con la Rc auto queste valutazioni le avete fatte. E per la caccia? Se volete potrete integrare la vostra polizza con coperture maggiori facilmente e in modo economico. Facciamo sì che le ore trascorse a caccia siano veramente le più serene della nostra settimana anche grazie alla tranquillità che deriva dal sapere di essere tutelati senza compromessi.
Ma ora, rivolgo, e con me tutta la Federazione, a tutti voi un caloroso “In bocca al lupo”, per una stagione ricca di giornate indimenticabili, che siano trascorse in padule o al capanno, alla lepre o al cinghiale, inseguendo beccacce o fagiani. Perché quale che sia la forma di caccia praticata, tutte hanno e meritano uguale importanza e rispetto.

L’EDITORIALE; CACCIATORI ZONA ALPI, Nella terra dei Camuni; UFFICIO AVIFAUNA MIGRATORIA, Tortora: la raccolta ali continua - I numeri ci danno ragione; CENTRO STUDI, Dove sono andati gli insetti?; UFFICIO FAUNA STANZIALE, Operaie in pericolo - La minaccia che non t’aspetti - Abitudini pericolose; TESSERAMENTO, Tanti buoni motivi per scegliere FIdC; AGONISMO CINOFILO, L’oro di Siena - Hendrix e Aron i più bravi - Grosseto incorona i migliori; AGONISMO TIRO A VOLO, Il Centro Italia asso pigliatutto; ARCIERI CACCIATORI, Ripartiamo dalle basi; VETERINARIA, Calcoli sbagliati; IL LEGALE, Un’inaccettabile ingiustizia; INIZIATIVE, Cedaf: formare i dirigenti del domani; DALLE REGIONI; RUBRICHE, Howa Hogue Heavy Barrel - Beretta 686 Silver Pigeon I Field - Range Rover Evoque; Si fa presto a dire animalisti

 


Greentime Spa

Via San Gervasio 1 - 40121 Bologna - Italia
Tel. +39 051223327

Cap. Soc. € 334.087,00 i.v.- R.E.A. Bologna n. 130839
P.I. 00279880371

bottone facebook

Log In or Register

fb iconLog in with Facebook